Tutto questo carrello in una app (foto: Guidaconsumatore.com )

Tutto questo carrello in una app (foto: Guidaconsumatore.com )

Non so se a te capita mai: ti annoti la lista della spesa su uno di quei piccoli post-it gialli fluo. Poi ti vesti di fretta, prendi le chiavi della macchina, vai al supermercato…  e ti dimentichi il post-it a casa!!

Forse tu sei meno distratto. Però una app per fare la spesa, in effetti, ha una sua moralità: può tornare utile cercarne una.

Anche perché esistono già diverse versioni disponibili, sia per iOs sia per Android. Di recente è uscita “iSpesa” per la Apple: compatibile quindi con iPhone, iPad e iPod touch (soltanto, richiede richiede l’iOS 5.0 o successive versioni). Facile e intuitivo:

  • si scrive sulla textbox l’oggetto da mettere in lista,
  • si striscia il nome verso sinistra per cancellarlo,
  • si clicca sempre sopra il nome per fare uno spunto a lato.
Caro, vecchio, giallastro, malefico post it: ciao ciao!! (Foto: Fanpop.com )

Caro, vecchio, giallastro, malefico post it: ciao ciao!! (Foto: Fanpop.com )

E non è l’unica app per fare la spesa: “La mia spesa”, di Fivefly, è la prima che viene visualizzata se si cerca con l’App Store del sistema Android. E permette alcune funzioni davvero utili:

  • mettere in evidenza categorie di oggetti,
  • ricordare ciò che si è già messo in lista una prima volta,
  • sincronizzare il tutto on-line con un altro telefono.

Spendendo un paio di minuti, si possono trovare altri sotware di questo genere: si può decidere quale fa più al caso nostro, quale permette una maggiore usabilità per diversi hardware e quale sembra essere più pratica (secondo il giudizio degli utenti).

L’unico problema, poi, è di non dimenticare a casa il cellulare. Perché altrimenti siamo da capo a dodici!!

Comments

comments