Torte di Pane: tipologia di torte caratterizzate da una consistenza morbida che, diffuse con denominazioni differenti, prevedono per la loro preparazione l’utilizzo di pane, talvolta raffermo. Oltre a quelle commercializzate con la generica denominazione (Torta di Pane PAT) in diverse zone del Piemonte e, in particolare nella provincia del Verbano Cusio Ossola ed in alcune Vallate Biellesi, si ricordano la Torta Matsafam (PAT) e la Torta Palpiton (PAT). La Torta di Pane è un prodotto da forno avente una forma rotonda o, talvolta, rettangolare ed un colore marroncino. E’ a base di pane raffermo e di latte e, a seconda della zona di produzione, sono introdotti nel suo impasto anche altri ingredienti. Si racconta che questa torta fosse preparata dai pastori qualche giorno prima di lasciare gli alpeggi per scendere a valle per l’inverno, utilizzando tutti i vecchi tozzi di pane raffermo e gli “avanzi” che erano rimasti in credenza. Nella Torta di Pane Vigezzina si aggiungono uvetta, pinoli, vaniglia e zucchero mentre nella Torta di Pane della Val Formazza si uniscono uova, zucchero, cacao, pinoli e frutta disidratata, ad esempio mele, pere ed albicocche. La Torta di Pane delle Valli Biellesi, invece, pu essere preparata aggiungendo alla composizione base, tre diversi gruppi di ingredienti. In una prima ricetta, si uniscono uova, zucchero, zucchero vanigliato, cacao, burro fuso e uva sultanina; in una seconda uova, sale, burro e noci mentre, in una terza, Amaretti, cacao, zucchero, uova, pere, buccia di limone grattugiata, nèsciole dël pers o màndorle dël pers pestate (armellina) e burro. La Torta Matsafam (PAT), prodotta nella zona di Biella, è una torta molto sostanziosa per questo denominata “ammazza fame” composta oltre che da pane raffermo anche da pesche oppure pere, latte, zucchero, burro ed eventualmente spezie quali cannella e chiodi di garofano. La sua superficie pu  essere guarnita con ciliegie candite. La forma della Torta Matsafam ricorda la cuffia indossata da Charlotte Corday, celebre personaggio della Rivoluzione francese, ed è chiamata da alcuni artigiani pasticceri della zona anche con il nome di Charlotte. Anche la Torta Palpiton (PAT) è prodotta nel Biellese e, originariamente era caratteristica soprattutto dei comuni della collina morenica della Serra, di Zubiena e di Mongrando. E’ una torta non lievitata, sottile composta da pane inzuppato nell’acqua o nel latte, pere, burro, zucchero, Amaretti, buccia di limone, cioccolato in polvere, uova, uva sultanina, fernet e sale. Un tempo era un dolce preparato prevalentemente in occasione delle feste patronali di alcuni paesi del Biellese, oggi invece non è più legato ad alcuna particolare ricorrenza.

CreativeMinds WordPress Plugin Super Tooltip Glossary

Comments

comments