Sanguinaccio: insaccato di sangue e di grasso di maiale, condito con sale e aromi vari. Conosciuto già ai tempi dei Romani, la sua produzione varia da regione a regione in base alle usanze locali. Al sangue di maiale sono aggiunti sale, dadini di grasso e, a seconda delle ricette, pane casereccio, pinoli, uvetta, cacao. Il tutto è, poi, mescolato per evitare coaguli ed insaccato in budello naturale. In seguito, gli insaccati vanno immersi in acqua fredda e sale e fatti bollire per circa 30 minuti a fuoco moderato. Il S. pu  essere consumato ancora caldo, risaltato sulla brace o in padella, oppure freddo, servito a fette. Nella tradizione culinaria piemontese, oltre al sangue, sono aggiunti nell’impasto pane grattugiato (Sanguinaccio con Pane PAT), patate bollite (Sanguinaccio con Patate, – PAT) o riso bollito (Sanguinaccio con Riso PAT).

CreativeMinds WordPress Plugin Super Tooltip Glossary

Comments

comments