Pralina Cri-Cri: pralina a forma di sfera. Essa è composta da una nocciola ricoperta da cioccolato fondente a sua volta rivestito da mompariglia. Gli ingredienti utilizzati per la preparazione di questa praline sono: nocciole, zucchero, cacao, burro di cacao, amido di mais, maltodestrina, lecitina di soia ed aromi. Terminata la lavorazione, sono avvolte sia in carta paraffinata bianca o colorata, che termina in un doppio fiocco frastagliato, sia in una stagnola coloratissima, che lascia intravedere i bordi frastagliati. Un incarto inconfondibile che per oltre un secolo ha mantenuto le stesse caratteristiche. Originarie di Torre Pellice (Torino), la loro preparazione incominci  nel 1886 e furono uno dei dolciumi caratteristici del periodo Liberty poiché nacquero e divennero di moda a Torino durante la Belle Epoque, a cavallo tra XIX e XX secolo. Negli Anni ‘70, come molti altri prodotti dell’industria dolciaria piemontese, queste praline conobbero un periodo di crisi (lo zucchero era stato messo al bando perché ritenuto responsabile del sovrappeso e della carie). Da tale momento di difficoltà, si sono recentemente risollevate grazie all’attività di promozione e di valorizzazione di alcuni artigiani torinesi. Sono prodotte soprattutto nel periodo invernale, in occasione di Carnevale.

CreativeMinds WordPress Plugin Super Tooltip Glossary

Comments

comments