Panettone Basso Glassato alle Nocciole (PAT): dolce a forma di una bassa calotta caratterizzato dalla presenza sulla parte superiore di una ruvida glassatura a base di nocciole e di alcune mandorle. Il suo interno, composto principalmente da farina di frumento, burro, uova, zucchero, uvetta, canditi, nocciole, acqua, zucchero a velo, vaniglia in bacca, lievito naturale, sale ed aromi naturali, è costituito da una morbida pasta lievitata, ottenuta dalla fermentazione naturale da pasta acida ed avente una struttura soffice ad alveolatura allungata. E’ un dolce preparato esclusivamente nel periodo natalizio. Originariamente prodotto a Pinerolo (Torino), ove la sua diffusione risale al 1922, oggi è preparato in diverse località del territorio piemontese. L’antica ricetta, rimasta invariata fino ai giorni nostri, riscosse immediatamente un grosso successo tanto da essere ben presto conosciuto ed apprezzato anche nelle altre regioni italiane. Attualmente, possono essere individuati almeno tre principali tipi di panettone, peculiari di differenti zone italiane: il “Milanese”, il “Piemontese” ed il “Genovese”. Essi si distinguono prevalentemente per forma, ingredienti, processo produttivo e periodo di consumo. Il primo (il “Milanese”) ha una forma lievitata e molto alta, è sprovvisto di glassatura superiore e si consuma a Natale. Il secondo (il “Piemontese”) ha una forma lievitata e bassa, ha una glassatura superiore a base di nocciole e si consuma, come il primo, nel periodo natalizio. Il terzo (il “Genovese”) ha una forma poco lievitata e molto bassa, è sprovvisto di glassatura e, oltre agli ingredienti presenti negli altri panettoni, è composto da pinoli, miele ed eventualmente è aggiunto all’impasto del marsala. E’ preparato in tutti i periodi dell’anno.

CreativeMinds WordPress Plugin Super Tooltip Glossary

Comments

comments