Lumache di Cherasco (PAT): lumache allevate prevalentemente nelle province di Cuneo e di Torino. Le specie più diffuse sono la Helix pomatia o “vignaiola bianca” e la Helix aspersa, o “zingrata”. Il sistema di allevamento è a ciclo completo, comprensivo cioè della fase di produzione e di ingrasso, e avviene all’aperto, in appositi recinti. L’alimentazione è basata sull’impiego di essenze erbacee che devono essere appetite dalle chiocciole ed offrire contemporaneamente ombreggiamento e protezione dagli sbalzi termici. La carne di lumaca costituisce un alimento ricco di proteine nobili e con un limitato contenuto lipidico (intorno all’1%). L’impiego delle lumache come alimento ha origini antichissime, essendo già in uso presso le popolazioni primitive. Esse erano già apprezzate al tempo dei Greci e dei Romani e, durante il Medio Evo, erano considerate “carne di magro” da utilizzare soprattutto durante la Quaresima. La definitiva affermazione gastronomica coincide con l’inizio del secolo scorso, con l’aumento del consumo e il perfezionamento delle tecniche di allevamento di questo prodotto. Nel 1973 è sorto a Cherasco il “Centro di Elicicoltura”, poi trasformato in “Istituto internazionale di Elicicoltura” presso il quale, nel 1978, è stata fondata l’“Associazione Nazionale Elicicoltori” ai fini di valorizzarne l’allevamento.

CreativeMinds WordPress Plugin Super Tooltip Glossary

Comments

comments