Grappa (tecniche di produzione): i metodi di produzione della Grappa sono la distillazione continua, utilizzata dall’industria per realizzare elevate produzioni e la distillazione discontinua, impiegata dalle piccole grapperie artigianali. Le grappe migliori si ottengono per distillazione discontinua con alambicchi tradizionali in rame, in cui si procede ad una intermittente alimentazione del distillatore con una quantità prestabilita di vinaccia, chiamata cotta, che viene lentamente riscaldata. I vapori che si formano condensano in una serpentina immersa in acqua fredda. Gli apparecchi di tipo discontinuo possono essere riscaldati a fuoco diretto, a bagnomaria o a vapore. Durante il processo di distillazione bisogna fare molta attenzione ad eliminare al momento giusto le teste di distillazione e le code di distillazione della Grappa, lasciando intatto il “cuore”. La distillazione a fuoco diretto è il metodo che riassume in sé il processo storico della distillazione. Sono rimasti pochi grappaioli che utilizzano questa tecnica. La distillazione a bagnomaria utilizza apparecchi che sono una via di mezzo fra quelli a fuoco diretto e quelli a vapore. In Piemonte, esistono ancora due impianti, uno sito a Mombercelli (Asti) e l’altro a Silvano d’Orba (Alessandria).

CreativeMinds WordPress Plugin Super Tooltip Glossary

Comments

comments