Bettelmatt (PAT): formaggio grasso, a pasta semicotta, prodotto con latte crudo intero di una sola mungitura da vacche di razza Bruna, nelle Valli Antigorio e Formazza (Verbano Cusio Ossola) tra giugno e settembre. Ha forma cilindrica, facce piane del diametro di circa 30 centimetri, scalzo diritto di circa 6 centimetri e peso intorno ai 5 chilogrammi. La crosta, inizialmente rossiccia, assume una colorazione cinerino-grigiastra col protrarsi della stagionatura, che deve essere almeno di 60 giorni. La pasta è di colore paglierino nelle forme giovani ed imbrunisce in quelle più stagionate. L’occhiatura è medio-piccola e numerosa. Il sapore è dolce, intenso, aromatico e, nel retrogusto, leggermente amarognolo. Deve il suo profilo olfattogustativo ai metodi di produzione tradizionali, all’erba fresca dei pascoli alpini tra cui la rara e profumata Mottolina. Le prime testimonianze di un prodotto caseario con questo nome risalgono al XIII secolo, epoca dell’insediamento delle popolazioni Walser. Sembra venisse utilizzato come merce di scambio per il pagamento di concessioni d’alpeggio e di tasse.

CreativeMinds WordPress Plugin Super Tooltip Glossary

Comments

comments