Sarà una serata di cucina italiana dal vivo e degustazione guidata: il “Cooking Show” di venerdì 28 febbraio (ore 18-20). La firma è del CNA-Alimentare, in collaborazione con sette imprese del territorio che proporranno le loro eccellenze. Tra queste la Tuttovo, con le sue salse natura è piacere, biologiche e senza glutine. Dove? Al Circolo dei Lettori di Torino, in via Bogino 9 (la prenotazione è di 10 euro). Lo chef? Riccardo Lucque, che ha esportato a Praga il marchio del made in Italy.

Se dopo una settimana di lavoro ti vuoi concedere una serata di piaceri tradizionali, non devi fare altro che prenotarti col CNA: puoi scrivere a eschina@cna.to.it o telefonare allo 011.1967.2185. E per ulteriori info, clicca qui.

Perché questa serata? Perché c’è tanta bontà nascosta in un caseificio, un agriturismo, una piccola distilleria che, tra grande distribuzione e crisi, rischia di rimanere svilita. Oltre a Tuttovo, altre sei aziende locali partecipano:

  • Agroalimenta,
  • Azienda Agricola Carlo Alberto Solero,
  • Distilleria Erboristica Alpina-Dealp,
  • Gattodolcione-La Perla di Torino,
  • Pasticceria Mauro Bertino,
  • Pastificio dell’Arco.

“Sono tutte aziende che possono vantare i marchi di Maestri del Gusto o Eccellenza Artigiana del Piemonte, assicura Elena Schina, Responsabile Regionale di CNA-Alimentare. Insomma: tra pasta e formaggi tipici, dolci e liquori, il tuo fine settimana comincia che è una delizia!

Grande chef… grandi prodotti! ( Iloveitartigianato.it , Vivitay.it , Grappadelnonno.it )

Grande chef… grandi prodotti! ( Iloveitartigianato.it , Vivitay.it , Grappadelnonno.it )

Questa non è la prima iniziativa che CNA propone, col marchio “I love IT”, per valorizzare l’artigianalità della Penisola: “Avevamo cominciato nel 2011, per il 150° dell’unità d’Italia – racconta ancora Schina – e continuiamo ad avere un grande successo di pubblico!”

Anche fuori dalla Penisola: una chicca di tutto ciò che vuol dire made in Italy, in campo alimentare e non solo, è stato presentato in una mostra all’Hotel Diplomat di Praga, nei giorni 3-5 ottobre 2013 (per la CNA Torino erano presenti Daniele Vaccarino e Vitaliano Alessio Stefanoni).

E proprio dalla bella capitale ceca sul Danubio arriva lo chef Riccardo Lucque, italiano di nascita e di cucina, ma boemo d’adozione: dopo le esperienze a Londra e New York, Lucque ha aperto a Praga il ristorante Aromi e poi La Finestra in Cucina, quest’ultimo con vista sul celebre Ponte Carlo. Venerdì 28, torna in patria alla ricerca di nuovi prodotti da offrire al pubblico. Italiano e non.

L’italianità portata da Riccardo Lucque a Praga… e ora riportata a casa! (Foto: Ricardo Pipo)

L’italianità portata da Riccardo Lucque a Praga… e ora riportata a casa! (Foto: Ricardo Pipo)

Foto in alto: Il Buono e il Bello, venerdì 28 febbraio al Cooking Show al Circolo dei Lettori ( Affashionate.com)

Comments

comments